La sociologa Rita Caccamo ospite su Raiuno

Condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Rita Caccamo (Small)

Ospitata in RAI lo scorso 17 febbraio, a Il Caffè di Rai Uno, per la docente Rita Caccamo, professore di Sociologia alla Sapienza Università di Roma.
Ha pubblicato circa trenta volumi nei suoi campi di studio e di ricerca. Ad essere accolto con grande interesse in video è stato il suo ultimo saggio edito da Edizioni Nuova Cultura : “Strettamente personale. Singles e coppie non conviventi si raccontano”.
La nota sociologa ha brillantemente risposto alle domande di Cinzia Tani, che ha condotto la chiacchierata con curiosità ed intelligenza.
Nel mondo di oggi, c’è un aumento generalizzato della mobilità come requisito richiesto dal sistema; che, poi, a sua volta, si fa tratto identitario della vita personale. Esso prende, alle volte, le forme della singleness; altre, quelle delle coppie che vivono “separatamente insieme”.
Il gruppo dei singles è vasto e variegato; e costituisce ben il 30% della popolazione italiana, compresi gli anziani. Al suo interno si trovano celibi e ex-sposati; dislocati sull’intero arco biografico, addensandosi nelle fasce d’età centrali (trentacinque-sessant’anni). La differenza di genere è più marcata riguardo alle priorità di vita: lavoro, amicizia e sfera sessuo-affettiva. Quest’ultima è centrale per tutti; ma assume per le donne accenti più critici rispetto agli uomini. Profili paralleli?
In emersione, poi, si trova il fenomeno delle coppie non conviventi, che, per scelta per forza, vivono in due case e ménage separati, pur sentendosi e configurantisi come coppia. Sia singles, sia laters sono stati indagati dall’Autrice con un approccio partecipativo, che ha privilegiato le interviste biografiche come unità d’analisi, e le testimonianze in presa diretta. La narrazione sociologica si snoda agevolmente, arricchendosi di riferimenti alla letteratura, al teatro e al cinema.
Studiosa e Donna di grande fascino, Rita Caccamo è storica della sociologia come formazione; ha svolto ricerca in tal senso, per quasi due anni, negli Stati Uniti, dove ha poi pubblicato uno studio sulla “città media” americana (Muncie, Indiana) studiata e ristudiata a partire dagli anni Trenta del secolo scorso. Negli ultimi anni si è occupata di moda e “stili di vita”: artisti di strada, giovani in rivolta, single rampanti, fondatori di “nuove” coppie. Tutti soggetti individuali e collettivi che condividono una forte dimensione di resistenza. Nel linguaggio sociologico, il diritto di resistenza equivale al diritto di opporsi a ogni attentato o minaccia recati ai diritti fondamentali e inviolabili dell’uomo e della donna, da parte del potere costituito. Un esempio in tal senso fu rappresentato dai giovani punk inglesi, tra gli anni Settanta e gli Ottanta, analizzati nel suo penultimo libro Rebellion. Dai punk agli artisti di strada.
All’origine, si è trattato di uno studio sul campo, nel corso di un intero anno passato in Inghilterra. Oggi, è la sua riscrittura.
Letterata di profonda cultura e variegate passioni, Rita Caccamo ha trascorso la sua vita lavorativa ai massimi livelli sia nell’aggiornamento professionale che nella docenza, occupandosi di argomenti che parlano a tutto tondo di Modernità e Post-Modernità. Interessi accademici e hobby personali si sono intrecciati spesso nel corso della sua professione. Uno per tutti: il viaggio come pratica di apertura, pausa dal lavoro, per potervi poi ritornare arricchiti di nuove esperienze. Attualmente, Rita Caccamo sta virando verso la narrazione autobiografica e la sua stessa scrittura si va modificando, rispetto all’impronta sociologica che ha caratterizzato la sua prestigiosa storia lavorativa.
L’ospitata al salotto de Il Caffè di Rai Uno ha sottolineato il suo carisma non solo di letterata, ma anche di grande conoscitrice dei moti e dei luoghi dell’anima.
L’Associazione Occhio dell’Arte ha recentemente conferito a Rita Caccamo, insieme alla Città di Frosinone e all’Assessore alla Cultura Valentina Sementilli, all’interno di una kermesse tutta in rosa (“Storie di Donne”) patrocinata anche della Regione Lazio, un importante premio alla carriera.

Ulteriori info sul volume “Strettamente personale. Singles e coppie non conviventi si raccontano” all’indirizzo nuovacultura.it/catalogo/strettamente-personale/

Lisa Bernardini
Presidente Occhio dell’Arte
Comunicazione curata per conto di Rita Caccamo

Condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email