“Panta Rhei” di Lisa Bernardini a Palazzo Merulana

Condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Palazzo Merulana è orgoglioso di ospitare, in occasione del Mese della Fotografia a Roma 2019, la mostra L’Anima di Roma presentata da Franco Fontana e Quelli di Franco Fontana, a cura di Riccardo Pieroni.

Lisa Bernardini, allieva del grande Maestro modenese, si è cimentata sul tema proposto con una serie fotografica dal titolo “Panta Rhei”.

Tratta dalla serie “Panta Rhei” di Lisa Bernardini

Serie “Panta Rhei” di Lisa Bernardini

L’acqua parla senza sosta ma non si ripete mai.
(Octavio Paz)

L’acqua parla senza sosta ma non si ripete mai.
(Octavio Paz)

Pereunt et imputantur – Passano [i giorni] e sono messi in conto

Veritas filia temporis (Aulo Gellio) La verità è figlia del tempo

Rem tene, verba sequentur (Catone) – Tieni stretto il concetto: le parole saranno una conseguenza

PANTA RHEI

Pánta rheî (in greco πάντα ῥ ῖ ε ), tradotto in “tutto scorre”, è un celebre aforisma attribuito a Eraclito (ma in realtà mai esplicitamente formulato in ciò che dei suoi scritti conosciamo) con cui la tradizione filosofica successiva ha voluto identificare sinteticamente il pensiero di Eraclito riguardo al tema del divenire,in contrapposizione con la filosofia dell’essere propria di Parmenide.
Il divenire, inteso come mutamento, movimento, scorrere senza fine della realtà, perenne nascere e morire delle cose, è stato uno dei concetti filosofici più importanti su cui si sono contrapposte visioni ontologiche di tipo statico (come quella eleatica) e di tipo dinamico (come quella eraclitea e dell’atomismo leucippeo).
Il termine divenire [dal latino devĕnire composto di de (prep. che indica moto dall’alto) e venire (venire) quindi propriamente “venir giù”] in filosofia implica un cambiamento non solo nello spazio, come nel significato originario, ma anche nel tempo.
Tutto muta, ma vi è una legge del mutamento che non muta, vi è una ragione eterna di ciò che scorre nel tempo. Questa ragione è celata nelle cose, ma è compito del filosofo cercarla, cominciando innanzi tutto nella profondità della propria anima, guardando dentro se stessi.

L’uomo saggio non si immedesima nella parzialità dei contrari, ma fa suo il principio di unità espresso dal Logos, la ragione universale.

Dal 2 Marzo al 17 Marzo 2019

Inaugurazione 2 Marzo ore 18.30

(ingresso gratuito nel solo giorno della inaugurazione )

Condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email